GOOGLE: CIRCA 20 MILIONI DI RICAVI OGNI ORA

GOOGLE: CIRCA 20 MILIONI DI RICAVI OGNI ORA
Scorsa settimana Alphabet ha probabilmente pubblicato la trimestrale, riportando oltre 80 miliardi di dollari di entrate e un record di 25,5 miliardi di dollari di utile operativo. Ciò che ha davvero spinto gli investitori, tuttavia, è stata la notizia che la società avrebbe pagato il suo primo dividendo in assoluto insieme a un piano di riacquisto di azioni proprie da 70 miliardi di dollari, facendo salire le azioni di oltre il 10% e portando Alphabet nell’ambito club della capitalizzazione di mercato da 2 trilioni di dollari.

Negli ultimi anni, una serie di articoli hanno pronosticato la fine dell’utilizzo dei motori di ricerca come google. Sebbene possa essere più difficile che mai trovare ciò che stai cercando su Google, ciò non si è tradotto in alcun impatto percepibile sui profitti. Il motore di ricerca ha incassato oltre 46 miliardi di dollari di vendite pubblicitarie solo nel primo trimestre… traducendosi in circa 20 milioni di dollari di entrate ogni ora.

Inserire più risultati sponsorizzati nella parte superiore della barra di ricerca di Google potrebbe peggiorare l’esperienza dell’utente, ma, per ora, significa anche più soldi per l’azienda, che sta spendendo una fortuna per rimanere competitiva nella corsa all’intelligenza artificiale. In effetti, la ciliegina sulla torta è stata la performance stellare di Google Cloud, che come divisione ha triplicato il suo utile operativo, favorito da un aumento della domanda di tutto ciò che riguarda l’intelligenza artificiale (infrastruttura server, ecc.).

Il motivo per cui la società ha deciso di iniziare a pagare i dividendi ora è alquanto curioso. Forse è a corto di idee adatte in cui investire quel denaro… o forse è così redditizio da poter fare entrambe le cose: pagare un dividendo e investire per il futuro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.