OPPORTUNITÀ NASCOSTE SUI MERCATI GLOBALI?

OPPORTUNITÀ NASCOSTE SUI MERCATI GLOBALI?
Il mercato azionario globale è caratterizzato da disparità significative nei valori assegnati agli utili derivanti dalle aziende americane rispetto a quelle non americane. Secondo un’analisi condotta da Haghani, gli investitori stanno attribuendo un valore molto più alto agli utili provenienti dall’America rispetto a quelli provenienti da altre regioni, con un fattore di scala superiore a 40 per le aziende americane rispetto a un modesto dieci per le altre.

Questa discrepanza solleva interrogativi sulle valutazioni relative delle aziende non americane, portando alla considerazione che potrebbero essere semplicemente sottovalutate. Hugh Gimber di JPMorgan Asset Management ha sottolineato che, nonostante l’argomento tradizionale che le aziende europee siano meno dinamiche rispetto a quelle americane, un’analisi dettagliata mostra che queste aziende sono consistentemente sottovalutate, indipendentemente dal settore.

Questo fenomeno non è limitato all’Europa, ma si estende anche ai mercati emergenti come il Messico, il Vietnam, la Corea del Sud e Taiwan. Questi mercati offrono opportunità di investimento attraenti, poiché traggono vantaggio dalle tendenze globali e presentano valutazioni più basse rispetto al mercato statunitense.

La Borsa di Tokyo, ad esempio, sta promuovendo attivamente l’aumento del rapporto prezzo/valore contabile delle aziende quotate, suggerendo un potenziale di rivalutazione significativo per molte aziende giapponesi.

Sebbene investire in aziende non americane possa richiedere un atto di fede e un cambio di prospettiva, ci sono segnali che gli investitori istituzionali stiano già ruotando le loro allocazioni azionarie verso questi mercati. A marzo, molti gestori di fondi globali hanno aumentato la loro esposizione ai titoli europei e ai mercati emergenti, indicando che le opportunità di valore potrebbero presto essere riconosciute e sfruttate.

In conclusione, le aziende non americane potrebbero essere sottovalutate rispetto alle loro controparti statunitensi, offrendo agli investitori l’opportunità di sfruttare potenziali rivalutazioni e diversificare il loro portafoglio su scala globale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.