PETROLIO USA: SORPASSATI ARABIA SAUDITA E RUSSIA

PETROLIO USA: SORPASSATI ARABIA SAUDITA E RUSSIA
Negli ultimi dieci anni, gli Stati Uniti si sono affermati come il principale produttore mondiale di petrolio grezzo, superando Arabia Saudita e Russia. Questo grafico illustra l’ascesa degli Stati Uniti come il più grande produttore di petrolio, basandosi sui dati dell’Agenzia per l’Informazione sull’Energia degli Stati Uniti (EIA).

Negli ultimi tre decenni, Stati Uniti, Arabia Saudita e Russia si sono alternati come i principali produttori di petrolio grezzo, ma sempre con piccoli margini. Durante gli anni ’90, l’Arabia Saudita ha dominato la produzione di petrolio, sfruttando le sue vaste riserve. Il settore petrolifero rappresenta circa il 42% del PIL del paese, l’87% delle entrate di bilancio e il 90% delle entrate da esportazione.

Tuttavia, nel corso degli anni 2000, la Russia ha superato l’Arabia Saudita in produzione in alcuni anni, grazie a investimenti strategici nell’espansione delle sue infrastrutture petrolifere. La maggior parte del petrolio russo va all’Europa dell’OCSE (60%), con circa il 20% destinato alla Cina.

Nel corso degli anni ’10, gli Stati Uniti hanno registrato un aumento della produzione interna, in gran parte attribuibile alla fratturazione idraulica, o “fracking”, nelle formazioni di scisti che vanno dal Texas al North Dakota. Nel 2018, gli Stati Uniti sono diventati il maggior produttore mondiale di petrolio, superando Russia e Arabia Saudita.

Nel 2022, gli Stati Uniti hanno rappresentato il 14,7% della produzione mondiale di petrolio grezzo, rispetto al 13,1% dell’Arabia Saudita e al 12,7% della Russia. Nonostante la leadership nella produzione petrolifera, gli Stati Uniti si collocano ancora al settimo posto tra i paesi con riserve provate rimanenti sottoterra, con 55.251 milioni di barili. Il Venezuela detiene le riserve più grandi con 303.221 milioni di barili, seguito dall’Arabia Saudita con 267.192 milioni di barili, mentre la Russia è al settimo posto con 80.000 milioni di barili.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.