UN DECENNIO DI TRASFORMAZIONI NELL’ASSICURAZIONE AUTO ITALIANA

UN DECENNIO DI TRASFORMAZIONI NELL'ASSICURAZIONE AUTO ITALIANA
Negli ultimi 10 anni, l'Italia ha assistito a una notevole e costante riduzione dei prezzi medi dell'assicurazione auto, con una diminuzione nominale del 24% e una diminuzione reale del 36%. Questa tendenza, come illustrato nella Figura 1, è attribuita a una serie di interventi significativi.

Le misure chiave includono la valutazione delle microlesioni, comunemente note come “colpi di frusta”, la creazione dell’IVASS il 1° gennaio 2013 e l’introduzione dell’Indagine sui Prezzi Effettivi dell’Assicurazione Auto (IPER). Gli sforzi per combattere le frodi, la dematerializzazione e digitalizzazione dei documenti, insieme al sistema di incentivazione nella gestione della Convenzione di Risarcimento Diretto (CARD), hanno svolto ruoli cruciali.

Sviluppi significativi in arrivo riguardano la proposta Tabella Unica dei Risarcimenti per le Invalidità Macro-Permanenti e l’istituzione dell’Arbitro Assicurativo, seguendo le pratiche dei settori bancario e finanziario.

Nonostante il robusto e duraturo calo dei prezzi, il 2023 ha visto un’interruzione temporanea a causa di un aumento generale dell’inflazione. Tuttavia, l’impatto è evidente nella riduzione dei divari di prezzo tra l’Italia e l’Eurozona e nella diminuzione delle disparità interprovinciali. Nel corso del decennio, il divario medio con l’Eurozona è diminuito da 200 a circa 40 euro, mentre lo “spread” Napoli-Aosta è sceso da oltre 400 a meno di 200 euro.

In conclusione, queste misure normative e le iniziative dell’industria hanno plasmato un decennio di cambiamenti significativi nel panorama dell’assicurazione auto italiana e hanno contribuito a una struttura di prezzi più armonizzata ed equa tra le regioni.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.